I teatri del sacro - Edizione 2013 - In scena - STORIE DEL BUON DIO 
SPETTACOLO VINCITORE_PROFESSIONISTI
Complesso San Micheletto_mercoledì 12 giugno ore 20:30
Associazione Culturale Causa
STORIE DEL BUON DIO   versione testuale
Complesso San Micheletto_mercoledì 12 giugno ore 20:30
liberamente ispirato a "Storie del Buon Dio" di R. M. Rilke
drammaturgia Laura Nardi in collaborazione con Alessandro Hellmann
con Danilo Nigrelli e Laura Nardi
regia Amandio Pinheiro
scene Laura Cortini
luci Marco Maione
 
I bambini non fanno altro che domande, tutto il giorno. E non si accontentano di chiedere: "Dove va quel tram? Quante sono le stelle nel cielo?", ma chiedono anche: "Il Buon Dio parla cinese? Come è fatto il Buon Dio?" Il Buon Dio, sempre il Buon Dio e di lui si sa così poco.

Storie del Buon Dio è una raccolta di tredici racconti, incentrati sulla figura di Dio, scritti da Rilke nel 1899. Come recita il sottotitolo, le storie vengano “narrate ai grandi perché le ripetano ai bambini”, che, insieme agli artisti, sono coloro che rivelano Dio agli uomini. Solo parlando ai più piccoli possiamo tentare di cogliere un barlume della luce di Dio. Nonostante la dedica, i racconti di Rilke trattano argomenti  tutt’altro che ingenui, come l’arte, la creazione o la religione.
Tutte fiabe, dunque, indirizzate ad un “doppio pubblico”: i bambini e i grandi con animo di fanciullo.
Il grande poeta Rilke va alla ricerca di Dio. In questo percorso Dio è umanizzato e l’uomo reso sacro attraverso la poesia. Dio stesso è Arte e Poesia che si manifesta nelle forme più elevate. Rifiutare l’arte, il potere creativo dell’uomo, è non solo rifiutare l’Uomo, ma anche Dio.

Nel nostro spettacolo un uomo e una donna, Georg e Klara, in un surreale “Ufficio domande rimaste senza risposta” creano, vivono e materializzano storie per rispondere alle incessanti domande dei bambini.
Due entità immerse nella fabbrica del mondo della fantasia, che, con la semplicità e la naturalezza dei bambini, giocano vicino al tavolo del grande artigiano, trasformando gli scarti del suo lavoro in storie, personaggi: Teatro.

 GUARDA IL VIDEO

 

 

 

A spettacolo inziato non sarà consentito l'accesso in sala.
Dato il limitato numero di posti, l'ingresso sarà consentito solo ai possessori delle contromarche numerate.
Le contromarche si ritirano nei medesimi luoghi, solamente 20 minuti prima dell'inizio dello spettacolo.
stampa | condividiFacebook  Twitter  Google +